scritto da on Benessere, Epeda, Materassi, materassi a molle, Relax

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Nell’universo dei prodotti per il riposo, la ricerca e l’innovazione sono fattori determinanti.

Si tratta di attività in costante evoluzione, capaci di consentire l’arricchimento ed un costante aggiornamento della nostra offerta grazie a materiali e tecnologie sempre all’avanguardia, per rispondere con crescente precisione alle mutevoli e sempre più specifiche richieste della Clientela.

Molti di noi, però, preferiscono seguire l’innovazione senza abbandonare affatto i valori della tradizione, soprattutto per tutto ciò che è all’origine del nostro benessere psicofisico quotidiano, preferendo quei prodotti che si rifanno a un savoir faire consolidato e che offrono una qualità affinata nel tempo.

A queste persone Epeda dedica Classic, una linea di materassi a molle che coniuga sapientemente le qualità dei materassi a molle tradizionali con tecniche all’avanguardia della progettazione e della produzione, dando vita a prodotti per il riposo solidi, affidabili e resistenti nel tempo, ma anche assolutamente confortevoli e straordinariamente accoglienti!

Tutto il meglio della tradizione, per una linea di prodotti sempre attuali.

Proprio in conformità con questa politica di costante innovazione e miglioramento delle proprie linee di prodotti, Epeda ha deciso oggi di aggiungere un morbido strato di Memory Foam sul lato invernate dei tre modelli più amati della linea Classic: Tour, Sport e Midi, per regalare ai propri Clienti un’accoglienza ancor più intensa, morbida e piacevole.

Vediamo i “Nuovi Classici” nel dettaglio.

Tour Memory

Solido, robusto e altamente performante, Tour Memory coniuga le qualità dei migliori materassi a molle tradizionali con l’innovazione tecnologia del Memory, per offrire una più intensa piacevolezza di riposo. Grazie alla tecnologia delle molle indipendenti e alle 5 zone di sostegno differenziate, Tour si caratterizza per una perfetta ergonomia e per un’ottima elasticità.

Il lato invernale arricchito dallo strato in Memory ne ingentilisce l’accoglienza, regalando sensazioni di piacevole sofficità. Entrambi i lati sono sfoderabili e lavabili in lavatrice per il mantenimento di un livello igienico di altissimo livello.

Sport Memory 

Comfort sostenuto e accoglienza avvolgente: Sport Memory è dedicato a chi desidera la solidità e la robustezza degli intramontabili materassi a molle tradizionali, senza rinunciare alla morbida piacevolezza dei materiali più attuali.

Le sue 5 zone differenziate sostengono il peso del corpo in maniera sempre calibrata, al fine di assicurare la corretta posizione della colonna vertebrale e il massimo comfort a ogni tipo di corporatura.

Lo strato in Memory foam sul lato invernale accoglie il corpo disteso in un delicato e morbido abbraccio.

Epeda Sport Memory

Midi Memory 

Ergonomia, comfort e igiene si fondono in questo materasso dalle qualità davvero eccellenti. Grazie all’elevato numero di molle presenti nella sua struttura, Midi garantisce un sostegno solido e preciso per le diverse zone del corpo, unito a un’elevata elasticità in grado di assecondare i movimenti naturali che avvengono durante la notte.

Sul lato invernale, lo strato in Memory regala un’accoglienza deliziosa e soffice, capace di cullare dolcemente il sonno anche nei mesi più freddi. Sul lato estivo invece, l’imbottitura morbida e fresca assicura la massima traspirabilità e il mantenimento di perfette condizioni igieniche.

materasso a molle Epeda Midi memory

Quale sarà il tuo classico preferito? Corri a scoprirlo presso i Rivenditori Ufficiali Epeda, oppure visita il sito www.epeda.it, dove potrai scoprire anche Optimal e Clair, gli altri due componenti della famiglia Classic.

Un classico è per sempre!

scritto da on Senza categoria

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Accogliente, versatile, leggero e resistente, Sunny è il materasso Bultex che ti regalerà ogni mattina un risveglio sempre positivo e solare!

Curioso di sapere cosa rende questo materasso così speciale, tanto da essere uno dei più amati dai Clienti Bultex? Scopriamone insieme tutte le caratteristiche.

La struttura

Il cuore di Sunny, ovvero la sua struttura interna, è composta dall’abbraccio di due materiali straorinari, il Bultex e il MemoryBX. Questa sinergia dà vita a un materasso dalle prestazioni eccellenti, in grado di offrire un sostegno sempre naturale ed equilibrato e una perfetta risposta elastica ai tuoi movimenti durante il sonno.

La doppia superficie di contatto, inoltre, consente di scegliere fra due differenti sensazioni di comodità e accoglienza semplicemente girando il materasso su un lato piuttosto che l’altro, personalizzando così il tuo riposo secondo le tue esigenze ed i tuoi gusti.

Come avere due materassi in uno!

Sul Lato A la superficie di contatto in MemoryBX, con il suo soffice abbraccio, garantisce un’ottima ergonomia, un’accoglienza morbida e la perfetta distribuzione del peso del corpo.

Sul lato B la superficie di contatto in Bultex, grazie alla particolare lavorazione a sette zone di accoglienza differenziata, assicura elasticità, comfort e perfetta reattività. Grazie alla sua straordinaria leggerezza, inoltre, il materasso Sunny può essere girato davvero facilmente e senza sforzi, per consentirti così da scegliere il tuo comfort “personalizzato” ogni volta che lo vorrai!

Utilizza questi link per approfondire le caratteristiche e scoprire tutte le proprietà del Bultex e del MemoryBX:

http://www.bultex.it/famiglia-bultex.php

http://www.bultex.it/memory-bultex.php

 

materasso Sunny Bultex

 

Da oggi inoltre c’è una grande novità: il materasso Sunny amplia ancora di più le possibilità di personalizzazione, poiché può essere scelto in ben 8 tipologie differenti, ciascuna caratterizzata da un diverso modello di fodera, che saprà conferire al materasso differenti sensazioni di accoglienza.

Scopriamole insieme!

Practice

Il rivestimento Practice è dedicato agli amanti della praticità senza compromessi. È dotato di un’elegante cerniera su quattro lati, che lo rende facilmente sfoderabile e lavabile, e di 6 maniglie orizzontali cucite, per spostare e girare il materasso senza fatica.

La fodera Practice dona stabilità a tutto il materasso, regalando una piacevole sensazione di sostegno ed elasticità durante il riposo.

Compact

Scegliete la fodera Compact se siete amanti della tradizione unita alla modernità: questa fodera infatti reinterpreta in chiave contemporanea il tradizionale modello di rivestimento bordato, arricchendolo dell’esclusivo design Bultex. Grazie a questo tipo di lavorazione, il tessuto e le imbottiture del piano di contatto sono libere di accogliere il corpo sostenendolo e donando una sensazione di compattezza e comfort.

Care

Care è la fodera Bultex dedicata a chi soffre di allergie. Le naturali caratteristiche della viscosa e del bamboo si combinano in modo eccellente con la morbidezza e la piacevolezza al tatto che contraddistingue questi due materiali. L’igiene è massimizzata dal trattamento Organi Care, a base di olio di Neem, dalle incredibili proprietà antibatteriche e antiacaro.

B-Visco

Indicata per chi desidera la massima prestazione in ogni condizione di riposo, sia a livello ergonomico che igienico, la fodera B-Visco presenta due imbottiture diverse a seconda del lato scelto. Sul lato invernale, il memory foam e il particolare sistema di unione tra il bordo laterale e lo strato imbottito, assicurano il perfetto funzionamento della struttura del materasso. Sul lato estivo, l’imbottitura a base di bamboo consente un elevato comfort climatico.

B-Safe

B-Safe è la fodera ad alte prestazioni dedicata a chi soffre di allergie e desidera il massimo del comfort. Il particolare sistema di unione tra il bordo laterale e lo strato imbottito permette di accogliere perfettamente il peso del corpo, mentre il trattamento OrganiCare unito alle naturali doti igieniche del bamboo assicura la massima igiene.

Feel

Feel è la fodera dedicata a chi desidera un comfort ideale in ogni stagione. La piacevole imbottitura in memory nel lato invernale regala un’accoglienza morbida e gradevole come un abbraccio, mentre la tecnologia FullNess a base di cotone nel lato estivo assicura un contatto morbido e una traspirazione ai massimi livelli, anche nei periodi più caldi.

L’esclusivo tessuto a base di viscosa, che assorbe l’umidità del corpo, garantisce un sonno fresco e asciutto.

Season

Season è la fodera ideale per chi desidera una forte personalizzazione del proprio riposo. Le imbottiture differenziate sui due lati, cotone nel lato estivo e lana in quello invernale, permettono di scegliere il proprio comfort climatico.

La tecnologia FullNess aggiunge la qualità di un contatto sempre soffice e piacevole, giorno dopo giorno, lavaggio dopo lavaggio.

BodySoft

Il rivestimento Body Soft è studiato per offrire il massimo dell’accoglienza a chi ama ricevere un abbraccio avvolgente e pieno ogni volta che si distende sul proprio materasso! Due superfici imbottite ad alto spessore cucite su entrambi i lati del materasso sublimano il comfort di Sunny regalando un riposo estremamente piacevole.

Per sapere proprio tutto su Sunny visita il nostro sito www.bultex.it

Curioso di provare Sunny e scoprire di persona il suo comfort inimitabile?

Ti aspettiamo presso il Rivenditore Ufficiale Bultex più vicino a casa tua…

Riuscirà Sunny a conquistare anche te?

 

scritto da on Benessere, Fodere, Materassi, Relax, Rivestimenti

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Dormire in primavera

La Primavera è sempre una delle stagioni più amate: le giornate si allungano, il clima si fa più mite, la natura si risveglia e ci regala profumi intensi e visioni lussureggianti. Le persone escono più di frequente e si godono temperature spesso molto piacevoli.

Ma a volte questa stagione può avere risvolti negativi soprattutto dal punto di vista della qualità del dormire.

I cambiamenti climatici non sempre stabili, i 60 minuti di sonno persi con l’arrivo dell’ora legale, il proliferare nell’aria di pollini portatori di allergie possono fare della Primavera la stagione in cui il riposo diventa più problematico e difficile.

Al senso di torpore e sonnolenza che a volte ci accompagna di giorno, soprattutto nei primi mesi primaverili, può aggiungersi la difficoltà di addormentarsi la sera o la tendenza ad avere un sonno irregolare e disturbato durante la notte, con la conseguente impossibilità di svegliarsi riposati ed energici al mattino.

Come fare quindi per ritornare a dormire bene anche in questa bella stagione?

Vi proponiamo 5 semplici consigli che possono aiutare a ritrovare la qualità del sonno perduta, per continuare a rifiorire ogni mattina con energia e positività!

1 – Rallentare il ritmo per ritrovare nuova carica

Se in Primavera la natura rinasce, rigeneriamoci con lei! Cerchiamo di allentare lo stress del lavoro e della vita quotidiana, ritagliandoci almeno mezz’ora al giorno tutta per noi. Facciamo quello che più ci piace o semplicemente rilassiamoci: una camminata all’aria aperta, leggere qualche pagina di un libro, coltivare i fiori sul balcone o in giardino…

Ognuno saprà trovare l’attività più giusta per il proprio piacere e la propria serenità. Il senso di soddisfazione tratto da queste semplici azioni ci aiuterà a sciogliere le tensioni e a ritrovare un sonno facile e rigenerante.

2 – Depurarsi con frutta e verdura

Sui banchi di mercati e supermercati in Primavera spuntano primizie davvero golose! Fragole, pesche, ciliegie, ma anche cetrioli, asparagi, carciofi: colori e sapori da gustare da soli oppure in ricette facili e sfiziose, per non parlare dei centrifugati, veri concentrati di energia dall’azione detox.

Le vitamine e i sali minerali di questi frutti e ortaggi potranno aiutarci a ritrovare il benessere psicofisico e il giusto equilibrio di sonno/veglia.

3- Mettere ordine fuori e dentro di noi con le pulizie di primavera

Primavera, tempo di pulizie! Le pratiche del cambio degli armadi e delle pulizie più approfondite che coinvolgono tutta la casa, anche se costano fatica, hanno un effetto davvero benefico sul nostro umore. Alleggerire divani e letti da lenzuola di flanella e coperte di lana e mettere da part gli indumenti più pesanti per ritrovare nell’armadio tessuti leggeri e colorati sono semplici attività che ci regalano sensazioni gratificanti e positive.

L’atto del “mettere ogni cosa al suo posto”, inoltre,  ci consente metaforicamente di fare ordine dentro noi stessi, regalandoci sensazioni di maggiore intimità e pace.

In una ritrovata atmosfera di leggera freschezza e con l’animo finalmente “ordinato” ritroveremo con più facilità la capacità di addormentarci serenamente, dormendo un sonno pieno e ristoratore per tutta la notte.

4- Controllare il materasso

Approfittiamo delle pulizie e del generale “rinnovamento” di Primavera per fare un checkup anche al nostro materasso!

Come?  Cominciamo con il porci queste domande:

  • Siamo soddisfatti del sostegno che ci offre, oppure riscontriamo eccessiva rigidità o al contrario troppa morbidezza?
  • Notiamo affossamenti o avvallamenti?
  • Quando ci stendiamo, riceviamo sensazioni di piacevolezza e freschezza o di eccessivo calore e umidità?
  • Il materasso agevola i nostri movimenti rispondendo in maniera elastica oppure li ostacola, “impastandoli” e rendendoli lenti e difficoltosi?
  • Conosciamo i materiali con cui è realizzato? Sappiamo se sono anallergici?

Queste domande possono aiutarci a capire se il nostro è un materasso di qualità, ancora valido nelle sue prestazioni, oppure al contrario se si tratta di un prodotto scadente ormai troppo datato.

Per dormire bene, in Primavera, come nel resto dell’anno, è importante avere a disposizione un sistema letto di alta qualità, realizzato per garantire una perfetta combinazione di sostegno e accoglienza, sempre calibrata sulle specifiche esigenze di ognuno.

Il materasso deve inoltre assicurare la massima traspirabilità, per evitare il ristagno dell’umidità e agevolare il mantenimento di condizioni igieniche impeccabili. Per finire, la scelta di materiali specificatamente anallergici è di fondamentale importanza se si soffre di allergie legate ai pollini di primavera.

Literie vi invita a provare i materassi delle linee Bultex ed Epeda presso i Rivenditori Ufficiali, che sapranno illustrarvi i modelli adatti ai vostri gusti e alle vostre esigenze, consigliandovi su eventuali fodere e imbottiture traspiranti e anallergiche.

Per ritrovare ogni notte l’eccellenza del riposo, anche in Primavera!

 

scritto da on Benessere, Bultex, Materassi, Relax

2 commenti

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Moderno, dinamico ed estremamente performante, Surf è il materasso della linea Bultex che saprà regalarti un’ondata di comfort rigenerante notte dopo notte.

Il segreto di Surf è nello spessore differenziato dei tre materiali che ne compongono la struttura e che creano una superficie dinamica in grado di seguire alla perfezione le naturali forme del corpo. Scopriamo insieme tutti gli elementi che rendono Surf così speciale per l’eccellenza del tuo riposo!

 La struttura

Bultex, MemoryBx e MemoryRed: in Surf questi tre materiali si uniscono per dar vita a una sinergia dalle qualità straordinarie: ognuno di essi ha uno spessore che varia differenziandosi per tutta la lunghezza della struttura interna, conferendo al materasso la capacità di assecondare facilmente le differenti posizioni del riposo e di sostenere perfettamente ogni zona del corpo disteso.

Surf vanta uno specifico senso di utilizzo (lato testa e lato piedi), che va rispettato per godere a pieno dell’effetto benefico che questo materasso saprà avere sul tuo sonno.

Surf inoltre offre un’accoglienza ed un sostegno differenti su ciascuno dei due lati, per consentirti di scegliere in ogni momento dell’anno il comfort che più preferisci, e personalizzare pienamente il tuo riposo secondo le tue esigenze e i tuoi gusti.

Come avere due materassi in uno!

Sul Lato A la superficie di contatto in MemoryBX garantisce un’ottima ergonomia, un’accoglienza eccellente e la perfetta distribuzione del peso del corpo.

Sul lato B la superficie di contatto in Bultex SoftContact, con il suo morbido abbraccio, regala una coccola profondamente accogliente e un sostegno preciso e naturale.

Grazie alla sua straordinaria leggerezza, inoltre, il materasso Surf può essere girato facilmente e senza sforzi, permettendoti così di scegliere il tuo comfort “personalizzato” ogni volta che lo vorrai.

Utilizza questi link per approfondire le caratteristiche e scoprire tutte le proprietà del MemoryBX e del BultexSoftContact:

http://www.bultex.it/memory-bultex.php

http://www.bultex.it/famiglia-bultex.php

E per avere il massimo della personalizzazione, crea il tuo “Surf” su misura” scegliendo fra 5 tipologie differenti di fodera, ciascuna delle quali saprà impreziosire il tuo materasso con una differente sensazioni di accoglienza.

Scopri tutta la gamma di fodere e preziosi rivestimenti per il tuo materasso Surf visitando il nostro sito alla pagina: http://www.bultex.it/materassi/5/surf

Se invece sei già curioso di provare la piacevole ondata di benessere rigenerante che  questo materasso offrirà al tuo corpo, surfa verso il Rivenditore Ufficiale Bultex  e vieni a provarlo di persona!

 

 

scritto da on Benessere, Epeda, Materassi, materassi a molle, Relax

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Nel mercato dei prodotti per il riposo oggi convivono tre grandi famiglie di materassi: a molle, in lattice e in espanso, normale e con parti in memory. Recentemente, queste ultime due tipologie di materassi hanno avuto un’ampissima diffusione, arrivando quasi ad offuscare la fama del buon vecchio “molleggiato” e del lattice…

Eppure negli ultimi anni si sta compiendo un’inversione di tendenza: mentre il lattice pare ormai avere poco da dire in tema di prestazioni nei confronti dei migliori espansi, le grandissime innovazioni tecnologiche del settore dei prodotti per il riposo stanno riportando in auge proprio il materasso a molle, che di “tradizionale” mantiene solo le caratteristiche di longevità, solidità e sicurezza, raggiungendo prestazioni di comfort, sostegno e accoglienza mai sperimentati prima.

Il materasso a molle è di fatto la tipologia di materasso più longeva, con una lunga storia alle spalle: nasce nel 1871, quando il tedesco Heinrich Westphal utilizzò le recenti  innovazioni in campo metallurgico conseguenti alla rivoluzione industriale, per realizzare il primo materasso a molle.

Questa invenzione ebbe rapido successo, tanto che, a partire dai primi decenni del secolo scorso, il materasso a molle divenne il più utilizzato a livello internazionale. Basti pensare che la nostra azienda Epeda produce materassi a molle già dal 1929!

Una lunga storia alle spalle, e di certo un futuro roseo davanti a sé!

Il materasso a molle ha saputo negli anni fronteggiare la concorrenza dei nuovi prodotti in lattice e Memory grazie a una continua ricerca finalizzata allo sviluppo di soluzioni sempre più sofisticate, che hanno dato vita a sistemi di molleggio all’avanguardia, studiati per rispondere alle diverse esigenze di riposo e benessere.

Il materasso a molle è divenuto così un prodotto declinato in diverse tipologie: ma quali sono i tipi di molleggio e quali i migliori?

Fermo restando che non esistono prodotti per il riposo che si possano definire universalmente migliori di altri, cerchiamo di fare chiarezza tra i diversi sistemi di molleggio pur partendo dalla premessa che esistono mille variabili di comfort che possono differenziare in maniera sostanziale due molleggi pur costruiti nell’ambito della stessa teconologia.

Molleggio Bonnel

Il molleggio Bonnel, chiamato così dal nome del suo inventore, è un sistema a molle biconiche “interconnesse”, ovvero legate tra loro da piccole spirali in filo d’acciaio.

Questo sistema consente alle molle di lavorare in maniera collettiva, rendendo la struttura del materasso estremamente solida e resistente.

Il molleggio Bonnel caratterizza i materassi a molle più classici e tradizionali, adatti a chi desidera un prodotto economico, solido e robusto.

Molleggio LFK

Il molleggio LFK, acronimo di Leich – Feder – Kern, è composto da molle cilindriche anch’esse interconnesse mediante spirali d’acciaio.

Rispetto alle Bonnel, dalle dimensioni solitamente più grandi, le molle LFK sono più piccole e per questo presenti in numero maggiore all’interno della struttura del materasso. Ciò rende i prodotti con molleggio LFK particolarmente elastici e reattivi ai movimenti del corpo, ma nello stesso tempo solidi e resistenti alle sollecitazioni.

All’interno della linea Classic di Epeda è possibile scegliere sistemi a molle interconnesse, dedicate a chi desidera il comfort dei tradizionali materassi a molle sia in versione Bonnel che nell’esclusiva versione Massif.

Molleggio a molle indipendenti e insacchettate

I materassi a molle indipendenti hanno una struttura formata da molle racchiuse ognuna in un sacchetto, che agiscono in modo indipendente l’una dall’altra.

Questo tipo di tecnologia infatti consente a ciascuna molla di comprimersi o estendersi liberamente, senza coinvolgere le molle contigue, dando vita a un materasso in grado di seguire e sorreggere le diverse zone del corpo in modo estremamente preciso.

Il sistema Multi-Air di Epeda rappresenta la nuova generazione delle molle indipendenti e insacchettate, grazie all’esclusivo sistema Régen-Air, che garantisce una migliore circolazione dell’aria all’interno del materasso – evitando il ristagno di umidità e garantendo una ventilazione costante – e alla struttura a diametro variabile della molla, propria del sistema Multi-Air, che permette una progressività di intervento e un’elasticità sconosciute alle molle tradizionali.

Molla indipendente e insacchettata

 

Molleggio a molla continua

A partire dal 2011 Epeda ha affiancato ai sistemi di molle “classici” presenti sul mercato una tecnologia esclusiva e brevettata: il sistema Multi-Actif, composto da un sistema di molle continue dotate d’inserti in espanso a zone differenziate. Le molle infatti sono realizzate con un unico filo di metallo per tutta la lunghezza del materasso, cosa che consente al molleggio di sostenere armoniosamente il peso del corpo, equilibrando e distribuendo la pressione generata su tutta l’area del materasso. Per una perfetta ergonomia e per sostenere in modo differente le diverse zone del corpo, il molleggio viene implementato da inserti in materiale espanso di differenti rigidità, in modo che il sostegno venga calibrato a seconda delle zone del corpo che il materasso dovrà sostenere.

Le tipologie di materassi a molle sono insomma davvero tante e diventano estremamente performanti nelle nuove versioni adatte a rispondere alle diverse necessità di riposo anche dei Clienti più esigenti. Non ci resta che invitarVi a visitare il Rivenditore Epeda più vicino, per provare di persona i nostri straordinari prodotti e ricevere dai nostri consulenti tutte le informazioni necessarie per scegliere il materasso a molle più adatto alle vostre esigenze!

 

scritto da on Benessere, Materassi, Relax

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Capita spesso, quando decidiamo di affrontare la scelta di un nuovo materasso, di imbatterci in aggettivi e definizioni di cui spesso non conosciamo esattamente il significato: materasso ortopedico, anatomico, ergonomico, ad accoglienza “progressiva” e molti altri!

Con questo post vogliamo fare un po’ di chiarezza sul concetto di “ergonomia” e sul significato che l’aggettivo “ergonomico” assume quando viene utilizzato per caratterizzare un materasso.

Cosa si intende, esattamente, per “ergonomia”? E quali caratteristiche deve avere un materasso per essere definito “ergonomico”?

Quando si parla di prodotti per il riposo, l’ergonomia è definita come la capacità del materasso di seguire adeguatamente le forme del corpo.

Immaginiamo di essere semplicemente sdraiati a terra: il pavimento ci sostiene, ovviamente, ma la sua superficie è rigida e dura, e non accogliendo le forme del corpo ci costringe a piegare la schiena per “aderire” completamente ad esso creando nel contempo zone, dove viene concentrato il peso del corpo, le cosidette aree di pressione .

Un materasso, al contrario, deve sostenerci ma anche accogliere le parti più sporgenti del corpo consentendo la distribuzione del peso su tutta l’area di contratto tra noi ed il materasso.

Un materasso può quindi essere definito “ergonomico” quando segue e accoglie alla perfezione tutte le nostre forme e consente il sostegno di ogni parte del nostro corpo. In questo modo il peso viene distribuito sull’intera area di appoggio, evitando la formazione di zone di pressione e soprattutto scongiurando dannose flessioni della colonna vertebrale.

Attenzione però, esistono diversi livelli di ergonomia. In linea di massima tutti i materassi sono “ergonomici” ma lo sono a livelli diversi e questo fa la differenza!

Allo stesso modo l’ergonomia è uno dei fattori di valutazione delle prestazione di un materasso che va abbinata ad esempio con un sostegno corretto e ad una giusta elasticità.

Per avere un esempio pratico di quanto sia importante la capacità ergonomica di un materasso basta fare una piccola simulazione.

Proviamo ad appoggiarci ad un muro con il fianco, supponendo che il muro rappresenti un materasso, la cui ergonomia è ovviamente inesistente: noteremo subito che, se volessimo toccarlo con la zona lombare, dovremmo piegare la nostra colonna vertebrale, facendoci prendere una posizione scorretta e fastidiosa, portando come conseguenza ad una posizione scorretta del bacino e anche del collo.

Se dormissimo in questa posizione su un materasso, avremmo un innaturale schiacciamento dei dischi intervertebrali, che non riuscirebbero a recuperare durante il sonno il loro normale spessore con conseguenze che potrebbero rivelarsi molto gravi fino ad alla formazione di protrusioni o ernie discali.

Se cercassimo invece di mantenere diritta la colonna vertebrale, poggeremo al muro solo con la spalla ed il fianco. Queste zone, se fossimo distesi, sarebbero sottoposte a una fortissima pressione, poiché lì si concentrerebbe tutto il peso del corpo, con conseguenti dolori ed intorpidimenti (formicolii).

Questo piccolo esperimento è funzionale a farci capire davvero l’importanza di dormire su un materasso molto ergonomico, che garantisca un sostegno adeguato al nostro peso ed alla nostra struttura corporea senza eccessi

I prodotti Bultex ed Epeda sono materassi studiati e progettati con una grandissima attenzione all’ergonomia ed a soddisfare ogni esigenza.

Per questo motivo vengono realizzati con diverse strutture e tecnologie, che si distinguono  per caratteristiche di sostegno e accoglienza, al fine di soddisfare le esigenze di ogni corporatura e fisionomia.

Grazie all’esclusivo Sistema Fodere che offre una gamma decisamente vasta di imbottiture in materiali naturali e innovativi, è possibile perfezionare ulteriormente la prestazione ergonomica del nostro nuovo materasso, scegliendo il comfort più adatto ai nostri gusti e alle nostre abitudini di riposo!

scritto da on Benessere, Materassi, Posizioni, Relax, Sleep

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Abbiamo mai provato a chiederci se stiamo dormendo davvero bene? Se il nostro è, a tutti gli effetti, un sonno di qualità?

Normalmente non facciamo fatica ad addormentarci, dormiamo tutta la notte e al mattino ci sembra di svegliarci bene, tutto sommato.

Ma forse non è sufficiente. Per avere risposte più approfondite sulla qualità del proprio sonno basta porre la giusta attenzione al proprio corpo e a imparare a leggere i segnali che continuamente ci invia.

Ad esempio:

- indolenzimenti e formicolii a spalle e braccia

- dolore alla zona lombare che passa dopo qualche ora dal risveglio

- dolore alle ginocchia

- mani e piedi freddi

sono tutti segnali chiari di una posizione-muscolo scheletrica notturna scorretta.

Che fare?

- Controlliamo la postura del nostro corpo sul materasso

Per prima cosa è necessario controllare il materasso e la posizione del nostro corpo disteso su di esso.

Assumendo la posizione in cui riposiamo normalmente, dobbiamo accertarci che il materasso segua le forme del nostro corpo, aderendo completamente ad esso, sostenendo ed accogliendo le diverse aree in modo uniforme, senza premere eccessivamente su spalle e anca quando siamo sul fianco, o su glutei e scapole quando siamo supini.

Una eccessiva pressione su queste parti del corpo può provocare indolenzimento e formicolii, costringendoci a cambiare posizione troppo spesso; inoltre la microcircolazione viene rallentata, portandoci ad avere mani e piedi freddi. Tutti fastidi che possono peggiorare con il passare del tempo e che ci parlano di una qualità del sonno sicuramente migliorabile, per un maggior benessere sia di notte che di giorno.

- Eventualmente scegliere un nuovo materasso

Se ci siamo accorti che il nostro materasso non ha o non ha più i requisiti per offrirci un riposo qualitativamente soddisfacente, è bene prendere in considerazione l’idea di sceglierne uno nuovo, facendo attenzione a selezionare un prodotto di qualità, adatto al nostro sistema muscolo scheletrico.

Anche se può sembrare banale, il consiglio migliore è sempre quello di rivolgersi a un rivenditore veramente qualificato, che saprà guidarci nella scelta, aiutandoci ad interpretare le nostre sensazioni, le nostre esigenze e desideri.

- Provare il materasso, concentrandosi sulla distribuzione del peso del corpo

E’ bene non partire con idee preconcette riguardo a materiali e modelli: il metodo migliore è provare e riprovare i materassi per capire quale segue bene le forme del corpo, permettendo un’uniforme distribuzione del peso.

Prestiamo particolare attenzione alla zona lombare, che deve essere sempre sostenuta dal materasso, qualsiasi posizione di riposo venga assunta durante la notte, e alla colonna vertebrale, che non deve piegarsi per “andare verso il materasso”.

Una volta verificato che il materasso ci permette di mantenere una posizione corretta, è bene cercare di assecondare i propri gusti e abitudini in fatto di accoglienza, elasticità e sostegno, poiché potranno aiutarci ad adattarci meglio al nuovo sistema letto.

Proviamo a muoverci sul materasso e controlliamo che questo agevoli e non impedisca movimenti e spostamenti, che sono fisiologici e devono essere assecondati. Verifichiamo che l’accoglienza del materasso sia piacevole e che il livello di sostegno sia quello che cercavamo.

Ognuno di noi è differente dagli altri per corporatura, peso, posizioni assunte durante il sonno, abitudini e preferenze… Ferma restando la certezza di avere una posizione della colonna vertebrale corretta, ricercare le sensazioni di comfort e sostegno più adatte a noi è lecito e anzi auspicabile!

donna dorme materasso

Per questo motivo Epeda e Bultex propongono una gamma di materassi in grado di offrire diverse declinazioni di comfort e sostegno, garantendo sempre una risposta elastica adeguata ad assecondare i movimenti, e una perfetta ergonomia, cioè la capacità di un sistema letto di seguire adeguatamente la forma del corpo.

scritto da on Benessere, Bultex, Epeda, Guanciali, Sleep

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

A quasi tutti è capitato almeno una volta nella vita di accusare del fastidio o un irrigidimento nella zona cervicale. I fastidi al tratto cervicale sono infatti molto diffusi e colpiscono uomini e donne di tutte le età.

Spesso le cause di questi disturbi sono da ricercarsi in piccole contratture da stress o, più frequentemente, nel prolungarsi di posture scorrette, che costringono il tratto cervicale a torsioni o compressioni innaturali.

Le abitudini di vita odierne, infatti, non favoriscono di certo la buona salute della nostra zona cervicale, ma anzi spesso la obbligano a posizioni forzate e innaturali che pregiudicano il benessere di tutto il corpo. Basti pensare a chi lavora ogni giorno al computer, ai videoterminalisti, a chi fa un lavoro sedentario spesso ricurvo su una scrivania, ma anche a chi trascorre molte ore in piedi.

Se i nostri comportamenti quotidiani non agevolano la salute della cervicale, è possibile offrire il giusto ristoro a capo, collo e spalle almeno durante il sonno, beneficiando dell’azione rilassante e correttiva offerta da un buon guanciale conformato per la nostra zona cervicale.

Un guanciale di qualità, frutto di costanti investimenti in ricerca, realizzato con le più avanzate tecniche produttive e con materiali di primissima scelta può offrire un aiuto davvero prezioso per combattere e prevenire i disturbi alla cervicale, garantendo un reale beneficio per la salute psicofisica di ogni individuo.

Dormire su un guanciale non adatto, al contrario, può aggravare i disturbi a questo tratto della colonna (composto da ben 7 vertebre), perché determina il prolungarsi, anche durante la notte, di posizioni del corpo scorrette. Ciò rischia di causare problemi anche seri alla schiena, al collo e agli arti superiori, portando senso di malessere al risveglio e spossatezza e irritabilità durante tutta la giornata.

guanciali cervicale

Come scegliere il guanciale per la cervicale?

Come spesso abbiamo sottolineato su questo blog, non esiste un guanciale ideale perfetto per ogni individuo e per ogni esigenza.

Come orientarsi dunque nella scelta?  La prima regola è sicuramente quella di provare il guanciale di persona, prestando attenzione a una serie di importanti parametri da considerare, che qui vi suggeriamo.

- L’altezza

L’altezza, la densità e la forma del guanciale sono tre caratteristiche del guanciale che vanno considerate in stretto rapporto con la nostra corporatura e soprattutto con le nostre esigenze durante il riposo.

Chi dorme di fianco deve prestare attenzione a non scegliere un guanciale troppo basso, mentre chi dorme sulla schiena deve preferire un guanciale non troppo alto poiché, in entrambi i casi, la cervicale sarebbe costretta a una posizione scorretta e innaturale, con conseguente irrigidimento della muscolatura, potenziale fonte di dolori.

Discorso a parte invece per chi dorme abitualmente prono, ovvero sulla pancia: questa posizione, passati gli otto anni di età, e di norma derivata da un sistema letto scorretto e costringe il tratto cervicale della colonna a uno sforzo eccessivo, per cui è consigliabile intervenire direttamente su tutto il sistema letto onde poter modificare le proprie abitudini di riposo, trovando il connubio giusto che permetta di mantenere un riposo sul fianco, che di norma è quello cercato da chi dorme prono.

- La forma

Anche la scelta della forma del guanciale dipende dalla propria corporatura e dalle proprie preferenze durante il sonno. E’ errore comune e molto diffuso credere che il guanciale per la cervicale sia solo quello “a doppia onda“. Certo, questo è un modello molto utilizzato e valido, ma ciò non vuol dire che anche un guanciale dalla sagoma tradizionale “a saponetta” non possa prevenire e combattere efficacemente tali disturbi. Anche in questo caso vale la regola della prova: solo testando personalmente il guanciale saremo in grado di decidere qual è la forma che fa per noi.

Oltre alla forma vera e propria sono fondamentali alcune lavorazioni superficiali che accentuano o modificano l’elasticità e l’accoglienza del guanciale in alcuni punti rendendolo comunque adatto a supportare le diverse posture di riposo e i movimenti che compiamo durante il sonno.

- I materiali

Assicurarsi che i materiali del guanciale che si sta acquistando siano di ottima qualità è un fattore molto importante per il nostro benessere e per la durata stessa del nostro prodotto. Oggi, il materiale migliore e più utilizzato per i guanciali dedicati alla cervicale è il Memory. Termovariabile a rilascio graduale, il Memory è capace di adattarsi perfettamente alla forma del capo e del collo, distribuendo adeguatamente il peso e accompagnando dolcemente ogni minimo movimento.

Inoltre il guanciale in memory è in grado di modificare parzialmente la sua altezza adattandola con maggior precisione alle esigenze di ciascun utente. Per queste caratteristiche i guanciali in Memory risultano estremamente comodi e la loro azione benefica nei confronti della cervicale è percepibile fin dal primo utilizzo.

Ovviamente un buon materiale rappresenta le fondamenta su cui costruire un buon cuscino, che deve interagire con la forma corretta ed il giusto spessore per dare un ottimo risultato.

- Gli standard d’igiene

Le caratteristiche igieniche sono un fattore imprescindibile nella scelta di ogni guanciale. Prima dell’acquisto è fondamentale accertarsi che sia ipoallergenico, lavabile e realizzato con materiali traspiranti che possano assicurare nel tempo il mantenimento delle migliori condizioni d’igiene. Inoltre è importante verificare la compatibilità dei materiali utilizzati con il corpo umano.

Per questo motivo tutti i guanciali delle linee Bultex e Epeda sono realizzati con in memoryBX, materiale dalle accentuate caratteristiche di traspirazione e certificato Oekotex 100 classe 1, che ne attesta l’assoluta sicurezza anche a contatto organismi molto sensibili come i  bambini da 0 a 36 mesi.

- La qualità

Affidarsi a brand seri e competenti è infine il passo decisivo nella scelta di un prodotto così importante per il nostro benessere come può essere il guanciale, il nostro compagno di riposo!

I guanciali Bultex e Epeda sono espressione dell’altissima qualità, del know-how e della passione innovativa da sempre riconosciute ad entrambe questi brand.

Vi aspettiamo presso i nostri rivenditori ufficiali Bultex de Epeda , dove personale qualificato e cortese è a Vostra completa disposizione per aiutarVi nella scelta del guanciale più adatto a Voi!

scritto da on Benessere, Bultex, Epeda, Materassi, Relax, Senza categoria, Sleep

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Dormire è una naturale attività del nostro organismo che risponde al bisogno di riposarsi e di recuperare le proprie energie. Nei mesi estivi però, il caldo e l’afa possono diventare ostacoli importanti al raggiungimento di un buon sonno.

Per i più sensibili, dormire con il caldo può risultare quasi impossibile e il girarsi e rigirarsi nel letto, i continui risvegli in preda alla sete e alla calura e la spiacevole sensazione di lenzuola umide diventano causa di frustranti notti in bianco.

Per chi è in vacanza, ma soprattutto per chi nei mesi estivi è costretto a restare in città, le notti insonni trascorse in compagnia di caldo e afa implicano irritabilità, malumori, e una sensazione di malessere diffuso durante tutta la giornata.

A tutti costoro dedichiamo questa raccolta di “semplici” regole che, se seguite con continuità, aiutano a prevenire l’insonnia causata dal caldo, favorendo il sopraggiungere di un sonno ristoratore anche nelle notti d’estate.

1. Abbassare la temperatura e ossigenare la stanza. 

Aerare la camera da letto è la prima regola da seguire. Se la finestra della stanza è troppo piccola il consiglio è quello di posizionare durante il giorno alcune piante sul davanzale, che contribuiranno ad aumentare l’ossigeno nell’ambiente. Questo favorirà la sensazione di ventilazione della camera, regalando una percezione di maggior freschezza.

2. Spegnere la TV e gli altri dispositivi elettronici.

Guardare la TV, lavorare al computer o navigare con il tablet comportano un lavoro del cervello che in questo modo non si prepara al riposo. E’ sempre consigliabile disattivare tutti i dispositivi elettronici almeno un’ora prima di andare a dormire, ma soprattutto in estate!

3. Riscoprire la natura all’aperto.

Trascorrere un po’ di tempo all’aria aperta durante il giorno, passeggiare, respirare aria fresca, godere dei colori della natura aiuta il buon riposo notturno. Approfittiamo delle serate estive per restare all’aperto, gioverà allo spirito e al riposo.

4. Riscoprire la natura a tavola.

L’alimentazione, come è noto, influisce sulla qualità del nostro sonno: portiamo in tavola allora la frutta e la verdura estive. In questo modo diventerà piacevole e gustoso fare il pieno di freschezza e ricevere i benefici che un nutrimento sano comporta anche sul riposo notturno.

5. Controllare il materasso.

Un materasso vecchio, scomodo, troppo caldo influisce negativamente sulla qualità del riposo. Meglio investire sul proprio benessere e cambiarlo, scegliendo un materasso di qualità, che sostenga il corpo e  regali una gradevole accoglienza, progettato soprattutto per garantire una migliore traspirazione e una ideale termoregolazione.

Realizzati con materiali e tecnologie altamente innovative, i materassi Bultex e Epeda garantiscono una termoregolazione naturale e la massima capacità di traspirazione, per un rapido smaltimento dell’umidità e un costante mantenimento della temperatura ideale.

Un materasso sempre fresco, aerato, capace di accogliere il corpo con piacevolezza anche nelle notti più calde grazie sarà il nostro migliore alleato per le notte d’estate!

 

scritto da on Benessere, Bultex, Epeda, Guanciali

Nessun commento

  • Facebook
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • Add to favorites

Di solito ci rendiamo conto dell’importanza della nostra cervicale solo quando cominciamo a sentire dolori e fastidi come mal di collo, irrigidimento e mal di testa. È invece molto importante prevenire questo tipo di disturbi seguendo quotidianamente alcuni semplici accorgimenti.

Così come di giorno è molto importante tenere una postura corretta, stare seduti su sedie comode che consentano di mantenere la naturale posizione di schiena, collo e gambe, così di notte è fondamentale rispettare le naturali curve del nostro corpo grazie a materassi di qualità e guanciali ergonomici.

Utilizzare un guanciale adatto alle nostre esigenze è sicuramente l’accorgimento più valido ed efficace!

Spesso si tende a trascurare l’importanza del guanciale per la nostra salute, senza considerare che in genere trascorriamo quasi un terzo della nostra vita con il capo adagiato su di esso. Va da sé quindi che la scelta di un guanciale adatto alla nostra conformazione e alle nostre esigenze è fondamentale al nostro benessere.

Se si dorme sul guanciale sbagliato si rischia, un po’ alla volta, di accusare disturbi anche seri alla schiena, al collo e agli arti superiori, che spesso si traducono in un senso di malessere diffuso al risveglio e di spossatezza e irritabilità durante tutta la giornata.

Quando si dorme, l’intera colonna vertebrale dovrebbe trovarsi in una posizione naturale e rilassata, a cominciare proprio dal tratto cervicale. Un cuscino troppo basso o assente costringe il collo ad accentuare la sua curvatura, per compensare quella dorsale. Allo stesso modo un cuscino troppo alto porterebbe l’intera colonna e la muscolatura che la sostiene ad una posizione innaturale che, mantenuta così a lungo, potrebbe causare problemi al risveglio.

L’altezza del cuscino è dunque un parametro determinante, strettamente legato alla  corporatura dell’utente, alla posizione di riposo ed al tipo di materasso utilizzato. Un guanciale troppo basso, o la sua assenza, per chi dorme in fianco è assolutamente sconsigliabile come lo è un guanciale troppo alto per chi dorme supino. In entrambi i casi il tratto cervicale della colonna (che è costituito da ben 7 vertebre) è costretto a mantenere una posizione innaturale, che la muscolatura cerca di compensare costituendo così una potenziale fonte di dolori.

Da non trascurare inoltre sono i materiali di cui il guanciale è composto: al momento dell’acquisto bisogna accertarsi che il guanciale possa mantenere nel tempo la massima igiene, dev’essere ipoallergenico, lavabile ma soprattutto realizzato in materiali certificati oekotex 100 classe 1. Il materiale oggi più utilizzato per i guanciali è sicuramente il “Memory”, che è in grado di adattarsi perfettamente alla forma del capo e del collo, distribuendo perfettamente la pressione, adattandosi ad ogni movimento e regolando, entro certi limiti lo spessore in base alle necessità.

Come orientarsi per la propria scelta?

Sicuramente non esiste un guanciale “ideale” e universalmente adatto a tutti come non esiste nessuna regola o norma che lo definisce “ortopedico” o “anticervicale”, termini spesso usati a sproposito.

Per prima cosa è importante non farsi attirare da forme strane: non è detto che un guanciale con forma non convenzionale, come ad esempio i modelli a doppia onda, siano più corretti di quelli a sagoma tradizionale.

La scelta del guanciale è fortemente legata ad alcuni fattori come la posizione di riposo, la corporatura ed il tipo di materasso che si possiede.

Il consiglio è sempre quello di provare il guanciale su un materasso simile a quello che utilizziamo normalmente e verificare quello che ci faccia mantenere il collo diritto, in questo modo il tratto cervicale si libera da ogni peso, i muscoli si rilassano e la mattina risultano sciolti e reattivi, senza contratture né irrigidimenti.

Literie Guanciali Cervicale

Ovviamente è fondamentale che il guanciale sia di qualità, realizzato con materie prime controllate e con le più avanzate tecniche produttive… Il resto lo farete Voi, provando numerosi modelli presso i Rivenditori specializzati Epeda e Bultex ed affidandovi ai consigli degli esperti consulenti che troverete sempre a Vostra disposizione.

Altissima qualità, materiali eccellenti e innovazione tecnologica, sono infatti i fiori all’occhiello dei guanciali Bultex ed Epeda. Sono tutti realizzati in MemoryBX, per seguire alla perfezione la conformazione della zona cervicale, e regalano un comfort eccellente e un valido aiuto a sciogliere le tensioni accumulate durante il giorno.

Il comfort ed il benessere saranno assicurati per tutta la notte, notte dopo notte!